La salute in pillole

                 La verruca, cos’è e come si presenta

di Nicolina Leone - Alcuni tipi di virus possono provocare delle lesioni sulla pelle (verruche) che ne aumentano lo spessore. Le verruche sono quindi delle piccole escrescenze della pelle di natura virale. (Papilloma Virus)

Di solito non esiste un aspetto standard per le verruche. Infatti, tutto dipende dal tipo e dalla zona colpita. Le verruche comuni sono spesso localizzate nelle dita e nel dorso delle mani, mentre le verruche plantari, sono visibili come un'area callosa giallastra rotondeggiante appena accentuata. In genere il contagio avviene in luoghi in cui le verruche trovano terreno fertile anche grazie alla presenza di umidità come le piscine, gli spogliatoi delle palestre. E' proprio l'umidità tra l'altro che favorisce la macerazione della pelle, rendendola più facilmente aggredibile dal virus che determina la verruca.

Da quando avviene il contagio a quando la verruca si manifesta possano passare diverse settimane. Il virus, infatti, resta in incubazione per 3 - 4 mesi. Anche se la patologia ha natura benigna, è comunque spesso fastidiosa. In alcuni casi la malattia può scomparire lentamente anche senza trattamenti, ma in caso di dolore e per evitare la diffusione dell'infezione è sempre consigliato un trattamento farmacologico. In genere si utilizzano farmaci a base di acido salicilico ma è anche possibile asportare le verruche con la crioterapia (utilizzo del freddo intenso) oppure chirurgicamente.

     Le varietà di verruche e le aree di comparsa

Non tutte le verruche sono uguali anch’esse hanno una loro classificazione in funzione dell’area in cui compaiono e della forma e del virus responsabile dell’infezione.

  • Verruche comuni: dette anche porri, tendenzialmente possono comparire in qualsiasi parte del corpo, anche se prediligono le mani soprattutto la zona intorno alle unghie, risultato di una manicure fatta male o della pessima abitudine di “mangiare” le pellicine. In questo caso sono di forma molto simile a una lenticchia piccola, possono raggrupparsi e il colore varia dal grigio al bruno, a secondo della quantità di punti neri presenti all’interno. Non sono fastidiose e non provocano dolore, salvo che non soggette a continuo sfregamento, in quel caso s’infiammano e diventano sensibili.
  • Verruche piane: compaiono e scompaiono generalmente da sole, colpiscono con più frequenza i bambini e i soggetti sottoposti a stress emotivo come azione di sfogo dell’organismo. Si presentano in varie zone, ma, non causano nessun disturbo se non quello estetico.
  • Verruche plantari: la loro sede preferita è la pianta del piede, hanno la forma di minuscoli puntini che si espandono a causa della continua pressione subita durante i movimenti del portatore, sviluppano un callo come protezione e tendono a diventare dolorose fino a rendere quasi impossibile camminare.
  • Verruche filiformi: sono molto fastidiose, più per effetto psicologico che per reale dolore, infatti, si formano intorno agli occhi, alla bocca e alla mucosa nasale.
  • Condilomi acuminati: trattasi una varietà di verruca che colpisce le zone genitali e si trasmette dall’uomo alla donna continuamente se non la si estirpa prontamente, può trasformarsi, in questo caso, in tumore, inizialmente benigno, considerando l’area delicata in cui compare è necessario intervenire nell’immediato per evitare conseguenze indesiderate. Oltre alle aree genitali, prediligono le zone umide, pertanto è facile riscontrarle negli interstizi fra le dite e nelle pieghe della pelle.

       Le cure efficaci

Le terapie più indicate, anche se non sempre risolutive (trattandosi di un virus, può ripresentarsi) comprendono:

  • Elettrocoagulazione, una soluzione che adotta scosse elettriche per bruciare l’escrescenza
  • Crioterapia, con il supporto di azoto liquido si congela la verruca che di conseguenza si stacca
  • Laserterapia, utilizzata nei casi di verruche ostinate e recidivanti.

Qualora la formazione non desse fastidio e fosse posta in aree non visibili, si può aspettare che scompaia da sola, ciò può richiedere anche anni e non garantisce che non ricompaia.

Inizialmente è necessario tenere la verruca sempre morbida, con l’ausilio di creme emollienti, usare disinfettanti specifici e asciugamani personali per evitare di espandere il contagio.

In ogni caso è bene procedere all’eliminazione seguendo attentamente la prescrizione medica pre e post operatoria.

 

 



...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2013 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................