La salute in pillole

SALUTE: YOGA LIBERA MOLECOLA DEL BUONUMORE

   
diventa fan
23 ago. (Notiziario)
Secondo uno studio americano praticare lo Yoga puņ aiutare contro ansia e depressione. A quanto pare infatti lo Yoga sarebbe in grado di liberare la molecola del buonumore. La disciplina orientale - spiega Adnkronos Salute - "garantisce un effetto diretto sui circuiti neurologici del buonumore, aumentando i livelli di una sostanza (il Gaba o acido gamma-amminobutirrico) che tiene a bada stress e mal di vivere". Lo studio č stato pubblicato sul 'Journal of Alternative and Complementary Medicine', condotto da un gruppo di ricercatori della Boston University School of Medicine. Il team coordinato dallo psichiatra e neurologo Chris Streeter ha confrontato due gruppi di persone sane che, per un periodo di 12 settimane, a caso venivano sottoposti a un allenamento a base di yoga o di camminata, praticati per un'ora tre volte a settimana. Ad ogni volontario č stato chiesto di riferire sul proprio stato psicologico. I componenti del 'gruppo yoga' segnalavano una significativa riduzione dell'ansia e un notevole miglioramento dell'umore, rispetto a quelli del 'gruppo camminata'. Secondo Streeter e colleghi, alla luce di questi risultati lo yoga puo' essere considerato una possibile terapia efficace contro alcuni disturbi mentali.




...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2019 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................