La salute in pillole

Dismenorrea

La dismenorrea consiste nel dolore, anche molto intenso, che viene avvertito da una parte delle donne (si raggiunge una percentuale di circa il 10% delle donne tra i quattordici e i quarant’anni), nella zona inferiore del ventre, durante il mestruo, più di frequente nei primi tre giorni. I principali sintomi sono tensione addominale intensa alternata a fitte o crampi al ventre e alle ovaie, mal di schiena, mal di testa e nausea. Come per la sindrome premestruale e per il ciclo stesso, la durata e l’intensità dei sintomi e delle manifestazioni è fortemente variabile da donna a donna e di mese in mese. La comparsa dei dolori è dovuta alle contrazioni dell’utero, le quali si verificano durante il ciclo per favorire l’espulsione del sangue e del tessuto endometriale sfaldato. A volte i dolori sono talmente forti da essere invalidanti e da richiedere, pertanto, l’assunzione di medicinali specifici atti ad attenuare i sintomi (in genere analgesici, inibitori delle prostaglandine-sintetasi o contraccettivi orali, comunemente chiamati “pillola”). In alcuni casi, in cui si avvertono manifestazioni spesso particolarmente severe, si parla di “dismenorrea secondaria”, ossia di dolori pelvici provocati dalla presenza di patologie o, più in generale, di cause intrauterine o extrauterine (come l’endometriosi, problematica piuttosto frequente). Per accertare l’esatta origine della dismenorrea è opportuno effettuare un esame laparoscopico presso il proprio ginecologo.


...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2018 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................