La salute in pillole

Artriti subacute

ARTRITI SUBACUTE

di Nicolina Leone L'artrite subacuta è una delle molteplici varianti in cui tale patologia può presentarsi nel paziente.

Si tratta di una malattia che a differenza della controparte acuta è caratterizzata da sintomi meno evidenti, e di conseguenza anche da dolori meno accentuati. L'artrite subacuta si divide a sua volta in molte sottocategorie che dipendono in gran parte dalla tipologia di sintomi che il soggetto tende ad avvertire e la gravità degli stessi.

Una tra le forme più note è sicuramente la sindrome di Fiessinger-Leroy-Reiter.

Come accade per altri tipi di artrite anche questo ha la caratteristica primaria, di essere piuttosto selettiva.

Si tratta, infatti, di una malattia che colpisce prevalentemente individui di sesso maschile in età avanzata, di solito tra i 55 ed i 70 anni. Si manifesta tramite una serie di dolori non lancinanti ma comunque fastidiosi, soprattutto se localizzati a una specifica articolazione. Tale fenomeno è quasi sempre accompagnato da un fenomeno di secrezione del tutto spontaneo che coinvolge gli occhi simulando le caratteristiche di un banale raffreddore o di un fenomeno di tipo influenzale. Inoltre, è possibile determinare tale malattia (ed eseguire quindi una diagnosi preventiva) in presenza di elementi come vesciche e protuberanze su arti inferiori, in particolar modo sulle dita e zone vicine.

Tale processo è da considerare di carattere degenerativo in quanto provvede ad un rapido invecchiamento della pelle.

Altro fenomeno comune riconducibile all'artrite subacuta è la patologia identificata col nome di brucellosi.

A differenza di quanto descritto finora, la brucellosi non ha particolari pretese per quanto riguarda sesso ed età e si manifesta in seguito ad un'infezione di tipo batterico. I sintomi sono riconducibili a quelli evidenziati da casi di artrite infettiva, con dolori più o meno forti e localizzati nella singola sezione del corpo interessata. Bisogna evidenziare le curiose modalità di contagio per questa variante di artrite, che avviene non per intervento di agenti estranei presenti nell'aria ma dopo il consumo di prodotti (solitamente carne o derivati del latte) infetti.

Diagnosi e cura

La diagnosi avviene in modo quasi identico ai normali tipi di artrite, sebbene queste siano soggette a comuni ritardi dovuti all'entità non aggressiva dei sintomi che le contraddistinguono. Il medico provvederà quindi a esami che accertino la condizione e la sua gravità, prescrivendo nel frattempo una cura basata su farmaci antinfiammatori.

Vivamente consigliato un periodo di riposo da affiancare a quello di ripresa farmacologica, in quanto l'artrite è una condizione che necessita di un giusto grado di movimento per la riabilitazione e gli sforzi eccessivi possono essere controproducenti, soprattutto se impegnati in un lavoro che mette a dura prova il fisico con cadenza quotidiana.

...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2019 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................