La salute in pillole

Artrite Tubercolare

di Nicolina Leone - E’ lampate la causa di questa forma di artrite, la tubercolosi, fortunatamente la TBC non è più una patologia temibile come nei secoli scorsi, quando causava lo sterminio d’interi nuclei familiari, però non è completamente scomparsa, per questo motivo esiste ancora l’artrite tubercolare.

In percentuale, solo il 30% delle persone colpite da tubercolosi sviluppa l’artrite a essa connessa, il numero aumenta nella fascia della terza età, ciò è dovuto, naturalmente, allo stato degenerativo cellullare, proprio della vecchiaia fisiologica.

Come riconoscere L’Artrite Tubercolare

I sintomi principali ed evidenti comprendono una serie di alterazioni a carico delle articolazioni principali, dove è evidente un gonfiore che spesso è accompagnato dalla formazione di liquido sinoviale.

  • Polsi
  • Ginocchia
  • Caviglie
  • Bacino
  • Colonna vertebrale (Morbo di Pott)

Chiaramente in queste aree i sintomi sono molto accentuati, e si espandono lentamente alle zone circostanti impedendo ogni tipo di movimento fluido, rendendo doloroso e difficile anche il riposo.

I sintomi maggiormente riscontrati sono:

  • Una leggera febbre costante, che si assesta fra 37°/37,5° (non di più)
  • Impossibilità di stendere le articolazioni
  • Eccessiva sudorazione anche in stato di riposo
  • Spasmi involontari dei muscoli
  • Calo del tono muscolare
  • Formicolio costante degli arti coinvolti
  • Dimagrimento dovuto alla perdita dell’appetito

Già ai primi segni è necessario consultare il proprio medico, il quale sicuramente saprà indicare un Reumatologo di fiducia.

Egli, dopo una visita approfondita e l’anamnesi del paziente richiederà alcune indagini di laboratorio per definire lo stato, la localizzazione e l’estensione della patologia:

  • Rx delle aree colpite, compreso il torace
  • Test per la tubercolina (un test cutaneo rapido e indolore)    
  • Esami ematici di routine con particolare attenzione ai valori immunitari e alla Ves

Il reumatologo eseguirà personalmente l’aspirazione del liquido sinoviale e lo farà analizzare, inoltre sottoporrà il paziente a un piccolo intervento di biopsia per trarre un campione di tessuto da analizzare al fine di determinare con esattezza il batterio che sta causando l’infezione.

Nel 90% dei casi i risultati mostrano l’esistenza in essere della TBC a carico dei polmoni, ciò implica l’adeguamento di una terapia composta di parecchi farmaci da assumere in vari momenti della giornata rispettando i cicli e i dosaggi.

La terapia a base di antibiotici si avvale della prescrizione di alcuni antibiotici mirati:

  • Isoniazide (oltre al potere antibiotico contiene una molecola che agisce anche come antidepressivo)
  • Etionamide
  • Streptomicina
  • Para acido salicilico

Qualora non si dovesse giungere a una diagnosi precoce, le conseguenze possono essere temibili, soprattutto se il paziente è giovane, potrebbero conseguire: cifosi, scoliosi e stenosi del midollo.

N.B.

L’artrite tubercolare è anche detta: Osteoartrite tubercolare o Coxite tubercolare.

...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2019 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................