La salute in pillole

Cistectomia

di Nicolina Leone - Quando non è possibile risolvere il tumore alla vescica con la chemioterapia è necessario optare per l’intervento chirurgico, che nel caso dell’apparato genitale maschile prende il nome di cistectomia ed è l’equivalente dell’isterectomia femminile.

Sono praticabili, a secondo delle esigenze, 3 tipi di cistectomia:

  • Semplice
  • Totale
  • Radicale

La cistectomia semplice comporta l’asportazione della vescica, naturalmente in sede di rimozione bisognerà creare un’alternativa che permetta al paziente la minzione.

Si può procedere deviando gli ureteri alla cute e collegandoli ad un catetere esterno, oppure si può ricostruire una vescica sostitutiva usando parte dell’intestino e posizionarla nella sua sede originale consentendo così di eliminare l’urina attraverso il canale uretrale.

Totale: oltre all’asportazione della vescica la cistectomia totale prevede anche l’abolizione della prostata e delle sacche seminali.

L’intervento è complesso e si esegue a cielo aperto mediante incisione addominale. Nei giorni precedenti, il paziente deve seguire una dieta specifica e nelle ultime 48 un digiuno forzato che prevede la somministrazione di farmaci allo scopo di pulire perfettamente l’intestino, qualora fosse necessario doverne usare una parte per delle “riparazioni” in corso d’opera.

E’ facile intuire che si decide tale procedura solo quando il tumore è allo stato avanzato e previo chemioterapia. Durante l’intervento può sorgere la necessità di eliminare anche l’uretra, pertanto servirà un’ulteriore incisione sotto lo scroto. Oltre a ciò se si devono asportare anche i nervi erigentes, la possibilità di riprendere l’attività sessuale per il paziente è praticamente zero, infatti, i detti nervi svolgono una funzione primaria nell’esercizio dell’erezione spontanea.

Alla fine dell’intervento il paziente si risveglierà dall’anestesia, collegato a due diverse sacche cateteriali, una per la raccolta delle urine e una per la raccolta delle feci ( qualora sia stato necessario usare parte del tratto intestinale) oltre a parecchi tubicini di drenaggio collegati alle incisioni. Dopo qualche giorno il catetere per l’urina verrà rimosso così come i tubicini, la deviazione delle feci invece richiede un po’ più di tempo, il malato deve riprendere le forze e la naturale funzionalità della minzione, comunque e se il soggetto risponde bene alle terapie antibiotiche e non da segni di malessere particolare, dopo la chiusura del catetere fecale si può pensare alla dimissione per continuare la convalescenza a casa. Laddove fosse necessario sarà prevista la radioterapia.

La cistectomia radicale prevede lo stesso identico percorso di quella totale, in più si effettua l’eliminazione dei linfonodi adiacenti a tutta la zona pelvica per scongiurare la possibilità di qualche piccolo residuo ancora invisibile e quindi il progredire di metastasi.

In ogni caso il paziente dovrà sottoporsi periodicamente a visite e controlli urologici, inizialmente due o tre volte l’anno, in seguito con cadenza annuale e per il resto della vita.

 

Postilla

Un intervento invasivo e di natura così delicata che tocca una parte del corpo atavicamente riconosciuta e ancora oggi considerata ( erroneamente) come sede della forza e della virilità maschile, richiede una preparazione fisica e psicologica. Il supporto terapeutico, pre e post intervento, è veramente necessario soprattutto nell’uomo giovane.

Egli, infatti, potrebbe giungere alla conclusione di essere inutile e incompleto, vanificando, magari, i risultati di una vita intensa e produttiva in tutti i campi.

Potrebbe attraversare un periodo di crisi profonda e di perdita d’identità sconvolgendo non solo la sua vita ma anche di coloro che con lui la dividono.

Alle madri, mogli e compagne tocca l’arduo compito di rasserenare il paziente e di convincerlo ad accettare il sostegno psicologico.

Inoltre provate anche a spiegare al vostro uomo che la vera forza di un essere umano sta da un’altra parte e che i neuroni sono collocati in cima al corpo e non nella parte centrale!

 

...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2020 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................