La salute in pillole

Priapismo







Priapismo

Cistite - La prostata - La prostatite - Ipertrofia prostatica - Lichen Sclerosus - EpispadiaUretrotomia Endoscopica - Neuromodulazione SacraleUretroplastica - Protesi PenienePriapismo - IpogonadismoGlossario di Urologia - EstrofiaDisfunzione Erettile - ChinesiterapiaCistectomiaTumore alla vescica - Sclerosi del collo vescicale - Stenosi uretrale - Incontinenza urinaria - Calcolosi urinaria - Eiaculazione Precoce - Varicocele - Le malattie renali (nefrologia)

di Nicolina Leone - Il priapismo maschile è una patologia che causa parecchi disturbi, ( non ultimo uno di origine emotiva, l’imbarazzo ) nei soggetti colpiti, infatti, a differenza della disfunzione erettile, di cui è l’esatto contrario, è uno stato fisico che non si può nascondere!

Immaginate, un’erezione non controllabile che si protrae per più di 4/5 ore, che nasce indipendentemente dal desiderio sessuale e non si calma neppure dopo il compimento dell’atto e il raggiungimento dell’orgasmo, quale risvolto può avere sul paziente.

Per quanto qualche “maschietto” possa trovare la cosa avvincente, è giusto informarvi che oltre ad essere doloroso, il priapismo è una malattia che spesso porta in sala operatoria.

Ci sono due forme principali di priapismo.

Ischemico: a basso flusso sanguigno in quanto provocato dal flusso venoso.

Non Ischemico: ad alto flusso arterioso, perché conseguente, appunto, al flusso arterioso.

Una terza forma “idiopatica” o “dolorosa essenziale” è dovuta solo ed esclusivamente a fattori di origine psicologica.

In seguito alla classificazione delle due forme principali si considera poi nello specifico il meccanismo scatenante che origina le sotto categorie:

Il priapismo meccanico deriva da fattori:

Ematologici ( sferocitosi congenita, trombocitemia essenziale, poliglobulia primitiva, leucocitosi e drepanocitosi)

Traumatiche ( danni al perineo e a penieni )

Neoplastiche ( tumore del pene, problemi alla prostata. Alla vescica e ai testicoli, tumore renale o a carico dell’apparato gastroenterico )

Vascolari ( tromboflebiti, ipercoagulabilità )

 

Il priapismo neurogeno è di natura:

Centrale ( traumi cranici, tumori celebrali o cerebellari, traumi rachidiani con interessamento midollare, tumori midollari Mieliti, spina bifida e sclerosi a placche )

Periferico (uretriti prostatiti, litiasi vescicale, stenosi dell’uretra, traumi endoscopici uretrali, corpi estranei uretrali )

Tossico ( alfa bloccanti, antiipertensivi derivati dall’idralazina o guanetidina, psicotropi in particolare neurolettici corticosteroidi, alcuni anestetici, soluzioni iperlipidiche )

 

Il priapismo Iatrogeno è conseguente a:

Iniezioni intracavernose ( papaverina e fentolamina )

Interventi di rivascolarizzazione

La più grave conseguenza del priapismo, se non curato prontamente è la Disfunzione Erettile.

Per capire e adattare la terapia adeguata, l’urologo dopo un’accurata anamnesi e una valutazione obiettiva del paziente, avrà bisogno di indagini strumentali:

( emocromo completo, screening delle urine per la rilevazione di sostanze tossicologiche e psicoattive, elettrocardiogramma dei corpi cavernosi, ecocolor-doppler e arteriografia peniena )

Per ognuno dei casi citati vi è una terapia particolare, che tratteremo in seguito, nella sezione approfondimenti di urologia.

In linea generale, a meno che non si debba intervenire in profondità a livello chirurgico, per il priapismo ischemico, la cura si risolve con microiniezioni ai corpi cavernosi, a base di fenilefrina, norepinefrina, etilefrina, mentre oralmente è indicata l’assunzione di dopamina o ferbutalina.

Per il priapismo non ischemico, pare abbia una certa valenza il blue di metilene e applicazioni locali di ghiaccio.

La terapia chirurgica, invece, prevede diversi tipi di approcci in funzione dei casi soggettivi: Shunt cavernoso glandulare distale - Secondo Winter - Secondo Ebbehoi - Secondo Al-Ghorab

Ogni intervento a sua volta applica metodologie differenti.

Per risolvere la forma idiopatica è necessario rivolgersi ad un esperto psico-sessuologo che adotterà la terapia colloquiale che ritiene opportuna, dopo attenta valutazione della storia psicologica del paziente.

 

 

Piccola curiosità 

Il termine priapismo, è da imputare al famoso Re di Troia, Priamo, morto nella notte della battaglia in cui cadde Troia.

Egli, nella mitologia greca, è spesso raffigurato in uno stato di erezione perenne  ( sposato tre volte e accompagnato da decine di concubine ).

 

 

 
























































Contatti | Comunicati stampa salute | Termini e condizioni | ©2012 La salute in pillole - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it