La salute in pillole

La raucedine


LA RAUCEDINE

La raucedine consiste nella variazione del timbro vocale, non volutamente provocata, tale da rendere il suono emesso nel parlare più stridulo e acuto (c.d. raucedine “aspra”) oppure roco (c.d. raucedine “secca”). La voce risulta, comunque, diversa dal solito, fino ad arrivare quasi all’afonia temporanea (incapacità totale di emettere suoni). Si tratta di un disturbo che rappresenta più un sintomo che una patologia vera e propria.

Al caratteristico abbassamento di voce, spesso progressivo, ma, a volte, del tutto improvviso e repentino, è associata molto spesso una componente infiammatoria a carico delle vie respiratorie. In genere, quindi, la raucedine si presenza associata a raffreddore, tosse, laringite, faringite e tracheite; in certi casi costituisce anche uno dei segnali che è in corso una malattia più grave, come bronchite, polmonite o asma.

La causa della raucedine, specie se recidivante e persistente, può essere anche una malformazione o un ingrossamento delle corde vocali. In proposito, non è rara, specie nei primissimi anni di vita, la formazione di escrescenze lungo una o più corde vocali, dette “papillomi laringei”. A partire dai tre-quattro anni di età in poi, soprattutto per chi svolge mestieri o hobbies che comportano sforzi prolungati della voce (cantanti, attori e, molto spesso, insegnanti o educatori in generale), sono piuttosto frequenti noduli, polipi o emangiomi alle corde vocali. Non si deve trascurare che, in soggetti particolarmente timidi o ansiosi oppure in situazioni d’intenso stress e disagio (discorsi pubblici o dichiarazioni difficili da compiere), è facile riscontrare delle alterazioni anche consistenti della voce.

Considerata la vasta gamma delle possibili cause o concause della raucedine, quando il sintomo è molto fastidioso e/o si protrae oltre i dieci giorni è indispensabile rivolgersi a uno specialista ed effettuare esami mirati a verificare lo stato della laringe e delle corde vocali, come la laringoscopia. Per quanto riguarda i rimedi, così come per la tosse, è consigliabile condurre una vita il più possibile riposata per almeno due o tre giorni e, per calmare il senso di bruciore e riacquistare un timbro di voce più simile al proprio, ingerire delle pastiglie o caramelle specifiche (in genere a base di menta, mentolo ed erbe balsamiche), senza mai superare le dosi consigliate, reperibili in farmacia (e oggi ormai anche in quasi tutti i supermercati), o, meglio, un cucchiaio di miele, preferibilmente di eucalipto.

Quando la raucedine è particolarmente forte o persistente può essere necessario assumere uno dei sedativi che si usano per la tosse secca, specie se anche quest’ultima componente risulta presente. In seno a questa tipologia di farmaci, solitamente disponibili sotto forma di sciroppi o gocce, troviamo pentoxiverina, oxolamina, pipazetato, butamirato, clobutinolo, morclofone e numerosi derivati dall’oppio (tra cui destrometorfano e dimemorfano).

E’ bene leggere attentamente le avvertenze, evitando, se del caso, di mettersi alla guida o di compiere attività che richiedono elevata concentrazione e non associare uno di tali farmaci a quelli sconsigliati, magari per il loro effetto parimenti sedativo, al fine di evitare pericolosi effetti collaterali. Anche per la raucedine, così come per la tosse e il mal di gola, specie se non particolarmente forti, può essere preferibile ricorrere a uno dei tanti rimedi naturali efficaci nella maggior parte dei casi. Tra le erbe che possono sortire effetto lenitivo nei confronti della raucedine, usate come elementi principali di gocce, pastiglie, unguenti e altro, ricordiamo: liquirizia, finocchio, plantago, timo, miele, eucalipto, ribes nero, echinacea, malva, tasso barbasso, altea, muschio d’Irlanda e olio essenziale di Melaleuca.

 



...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2013 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................