La salute in pillole

TUMORI: ECCO I FALSI MITI PIÙ COMUNI

   
diventa fan
12 mag. (Ufficio Stampa Sorgenia)

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

L'argomento cancro presuppone che si abbiano a disposizione informazioni affidabili per non incutere paure ingiustificate o inutili ansie. I sintomi tumore al seno o altro tumore vanno discussi con il medico: ci sono tanti falsi miti sull'origine dei tumori, sugli effetti positivi dell'alimentazione o sugli effetti negativi di certe tecnologie, senza però dati scientifici a supporto.

Uno dei falsi miti riguarda la natura contagiosa del tumore. Esiste una sola eccezione ed è connessa ai trapianti di organi: si sono verificati casi dove il paziente in cui è stato trapiantato un organo di un donatore affetto da cancro ha in seguito sviluppato una malattia oncologica1. In certe situazioni il cancro può essere causato da alcuni virus (es. HPV), ma solo il virus è contagioso, non il cancro.

Un altro falso mito è la relazione tra l’uso di deodoranti anti-traspiranti e lo sviluppo di cancro alla mammella. Alcuni studi svolti hanno sfatato questa credenza mostrando che non c'è relazione fra sviluppo di tumore al seno e uso di tali cosmetici2.

Ciò che genera false credenze nelle persone è la familiarità con patologie oncologiche. Comune è il pensiero che chi ha consanguinei affetti da tumore si ammalerà della stessa forma oncologica. Benché sia accertato che alcuni tumori siano ereditari (il 5-10% dei tumori alla mammella è ereditario e connesso alle mutazioni dei geni BRCA3,4), ciò non significa che si svilupperà il tumore. Non avere familiarità, al contrario, non vuol dire evitare percorsi di screening perché è sbagliato pensare che non potrà essere colpito da tumore.

Anche l’idea che la diffusione del tumore sia favorita da interventi chirurgici è un altro falso mito alimentato dai casi dove la persona affetta da tumore, dopo essere stata operata, aveva tumori in altri organi o metastasi. Questo può verificarsi se, con l'asportazione del cancro, restano delle cellule tumorali, o se durante l'operazione si scopre che l'estensione del tumore è maggiore di quanto previsto dagli esami.

Un altro falso mito riguarda la connessione tra sviluppo del tumore e influenza dei telefoni cellulari. Si è indagato, tramite molti studi, sulle conseguenze delle onde elettromagnetiche (emesse da cellulari, elettrodomestici e linee elettriche) sulle persone ed è emerso che non vi sono relazioni tra queste onde e lo sviluppo di tumori5.

La prevenzione dei tumori va fatta seguendo le indicazioni del medico, al quale vanno rivolti tutti gli interrogativi e i dubbi.

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

1. Chapman JR, Webster AC, Wong G. Cancer in the transplant recipient. Cold Spring Harb Perspect Med. 2013 Jul 1;3(7)

2. Mirick DK, Davis S, Thomas DB. Antiperspirant use and the risk of breast cancer. Journal of the National Cancer Institute 2002; 94(20):1578–1580

3. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42

4. Pal T, PermuthWey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

5. SCENIHR. 2015. Scientific Committee on Emerging and Newly Identified Health Risks: Potential health effects of exposure to electromagnetic fields (EMF)






...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2017 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................