La salute in pillole

VIDEOGIOCHI: LA DIPENDENZA È MALATTIA MENTALE

   
diventa fan
22 giu. (Marina Crisafi)
L’Oms inserisce la dipendenza da videogiochi nella classificazione aggiornata delle patologie di Marina Crisafi – E’ ufficiale, la dipendenza da videogiochi è una vera e propria patologia. L’Oms infatti ha inserito il “gaming disorder” nel capitolo sulle malattie mentali dell'International Classification of Diseases (ICD), ossia l'elenco ufficiale delle malattie il cui aggiornamento è stato pubblicato in questi giorni. In base al nuovo elenco (che contiene oltre 55mila malattie), la dipendenza da videogiochi consiste in una serie “di comportamenti persistenti o ricorrenti che prendono il sopravvento sugli altri interessi della vita". Tra le altre caratteristiche della patologia, c’è il fatto che “anche quando si manifestano le conseguenze negative dei comportamenti non si riesce a controllarli – e il fatto che - portano a problemi nella vita personale, familiare e sociale, con impatti anche fisici, dai disturbi del sonno ai problemi alimentari". Queste le spiegazioni fornite da Vladimir Poznyak, del dipartimento per la salute mentale dell’Oms durante una conferenza stampa. La decisione di inserire “questa nuova patologia – ha proseguito Poznyak scaturisce dagli – ultimi sviluppi delle conoscenze sul tema”. E il far parte dell’elenco, dovrebbe aiutare i medici a formulare più facilmente una diagnosi.




...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
Contatti   |    Archivio   |    Termini e condizioni   |     © Copyright 2018 lasaluteinpillole.it - supplemento alla rivista www.studiocataldi.it
...........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................